Home  Mostra  Motori  Webcam  |  Bacheca  Scuola Melfi  Calcio  |  AnnunciMatematica ECDL  |  Elettronica |   Nuova ECDL

  Melfi  *

Melfi è situata su una collina a 531 m. sul livello del mare, alle falde del monte Vulture. Il suo stemma è un "basilisco alato".
L'origine di  Melfi risale all'inizio del primo millennio avanti Cristo, ma dall'anno 1040 comincia ad opera dei Normanni, un'epoca di splendore.  La città fu abbellita da grandi complessi edilizi, maestosi palazzi, divenne residenza dei baroni Normanni, fu iniziata la costruzione del castello.

Il Castello 

Il castello normanno-svevo-angioino costruito da Roberto il Guiscardo sopra la sommità di una collina,  fu ampliato dall'imperatore FedericoII e poi nel periodo 1278-82 fu rifatto da Carlo D'Angiò.
Ben otto torri si elevano intorno alla massiccia costruzione: dell'orologio, della cappella, di Marcangione, del cipresso, dello stendardo, della "secretaria", del leone e dell'imperatore.
In una di queste torri fu rinchiuso Pier delle Vigne .
Sul magnifico portone, voluto dai Doria, è murata una lapide su cui si leggono i nomi dei primi principi di Melfi.
In questo castello furono convocati Parlamenti, promulgate Costituzioni, ordite congiure. E' attualmente destinato ad importante Museo Nazionale del Melfese
.

La Cattedrale

La  cattedrale di  Melfi con torre campanaria  normanna, fu  ricostruita nell’anno 1153 per ordine di re  Ruggiero e suo figlio.
Il campanile misura da terra  al cornicione 50 metri. E’ sormontato da  una cupola piramidale ad otto facce.
Nei due piani, ordini di finestre bifore con decorazioni di mosaici greci all’intorno, ed in alto, nella  facciata  verso la  piazza, due  grandi  leoni  araldici con  mosaici  eseguiti con pietre nere e sanguigne : sempre leoni simbolo di forza per i Normanni.
Un netto contrasto esiste tra lo stile normanno del campanile e quello della facciata e dell’interno del Duomo del 1700. Infatti il terremoto del 1694 aveva danneggiato molto la chiesa, per cui il Vescovo Spinelli provvide a restaurarla nel 1723, senza però tener conto che la stessa era del XII secolo, e fece tutto nello stile barocco cel 1700, per cui tolse la porta antica d’ordine gotico e la sostituì con lo stile del suo tempo.  
Anche all’interno è avvenuto lo stesso: sono mirabili il soffitto a cassettoni dorati; il trono splendente lavorato,l’organo e il pulpito.  
La cattedrale è composta da tre navate: la centrale ricoperta, in alto,da cassettoni dorati, le laterali hanno il soffitto a botte e privo di decorazioni. Sugli archi della navata centrale ci sono le effigi dei cinque Papi che presero parte ai Concili tenuti nel castello di Melfi.  
La cattedrale conserva, oltre all’affresco bizantino della Madonna Regina, un dipinto della Madonna di Nazareth, un grandioso quadro della “Cena” sulla porta principale, in cui le figure sono di una perfezione eccellente, ecc.
L’Episcopio è un monumentale edificio normanno del 1093, in parte rifatto in stile barocco nel 1700. Anche a tale epoca appartiene la fontana barocca che trovasi nel cortile del palazzo.

Mura e Porta Venosina

   Guglielmo Braccio di Ferro, normanno,nominato conte di Puglia e di Melfi, cinse la città di mura. Si accedeva quindi in Melfi per 6 porte: porta Troiana,eretta in onore di Troiano , figlio di Sergianni Caracciolo; porta Calcinaia; porta del Bagno; porta SS. Maria, abbattuta nel 1851; porta Sant’Antolino e porta Venosina.
Quest’ultima , a sesto acuto, è d’epoca sveva, mentre il torrione rotondo è opera aragonese. Fu chiamata così perché la strada sottostante portava attraverso la via Appia a Venosa.
Sulla porta al tempo di Federico II  fu murata una lapide in cui si decantavano i pregi di Melfi.E’ l’unica delle sei porte di Melfi, che rimane in piedi.

*da opuscoli vari EPT 

 

 
  
  Home  |  Mostra  Motori Webcam  |  Bacheca  | Scuola  | Melfi  Calcio  |  AnnunciMatematica | ECDL


© melfiweb.it  [ Per contatti  melfiweb.it  ]   aggiornato il: 15-08-05